Verona Spritz

Cosi parlò Zaia

senza commenti

Siamo tutti figli di quella grande Repubblica che fu la Serenissima. In essa convivevano genti e territori diversi e, fra loro, la struttura connettiva fu proprio il cristianesimo… Invito anche il centrosinistra ad un confronto serrato, che ci porti a definire nel nostro statuto, in modo condiviso, le origini giudaico cristiane del popolo veneto. Liquidare le radici di una comunità, in virtù di un malinteso laicismo, è l'equivoco nel quale incappano i relativisti di oggi.

Zaia (o il suo ghost writer) sembra un acrobata sparato dal cannone del circo di Treviso e ritornato sulla terra con idee di un altro pianeta. Che il Veneto sia preda di un 'malinteso laicismo' è da ridere, semmai è preda di un neo-bigottismo che la Lega (un tempo anticlericale) e Zaia rappresentano egregiamente. Compresi i proclami sul no alla pillola RU486. Quanto al tessuto connettivo della Serenissima, più che le radici 'giudaico cristiane' fu la straordinaria vocazione al business mercantile che fece grande Venezia. E fu proprio in virtù del 'business is business' che Venezia fu più spesso in guerra che in pace col Papa.

March 14th, 2010 at 6:37 pm

Lascia una risposta