Verona Spritz

Lo specifico italiano

senza commenti

Sono stato al Circolo Primo Maggio a Montorio, per la festa degli Amici del Salento. Tanta gente, buoni piatti della cucina salentina e, soprattutto, la 'pizzica'.

Per chi ancora non la conoscesse la pizzica è una delle più originali forme di musica popolare del nostro paese. La melodia è inconfondibile e la danza che l'accompagna irresistibile.

E mentre guardavo giovani e vecchi – salentini e veronesi – scatenati nel ballo, mi veniva da pensare a quanto siano varie e straordinarie le culture in questo nostro paese. Una strepitosa ricchezza che forma lo 'specifico italiano' al quale per nulla al mondo vorrei rinunciare.

Quindi chi parla di 'patria padana' o sciocchezze del genere si priva di un pezzo del patrimonio genetico di questa nazione. Quello che la rende unica al mondo.

Parimenti mi sembra davvero indovinata la celebrazione che il piccolo Partito Socialista intende fare per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia: un viaggio da Pontida a Teano. Partire cioè dalla sede di una inesistente identità nazionale padana (che fu invece un momento del secolare scontro contro l'invasore straniero) per arrivare al luogo dove Nord e Sud si incontrarono nelle figure di Garibaldi e di Vittorio Emanuele II°.

Una buona idea per un salutare ripensamento sulla nostra storia e sulla grande ricchezza dello 'specifico italiano'. 

May 30th, 2010 at 10:29 am

Lascia una risposta