Verona Spritz

Il Buco della Storia

con 2 commenti

Al mercatino del Vintage all'Arsenale noto con sgomento che torme di ragazzi & ragazze considerano vintage vestiti, occhiali e borse che erano di moda quando noi avevamo i loro stessi anni. Certo, a quei tempi avremmo provato orrore a vestirci come i nostri padri (& nonni). Il gusto retrò non ci sfiorava minimamente, anzi, eravamo in procinto di costruire il Nuovo Mondo. Dopo un po' che giro in mezzo a tutto 'sto ciarpame mi accorgo che brilla un'assenza, un vero buco nel tessuto della storia:

Manca l'eskimo!

Perchè la divisa, il simbolo di quegli anni pieni di rabbia e di speranza non viene considerato dai nostri nipoti un must da venerare e riciclare? Sarà colpa nostra (l'ennesima) che abbiamo nascosto e seppellito ogni traccia del nostro (in)glorioso passato? Oppure l'omissione è quella dei nostri eredi  che non vogliono nemmeno sentir parlare – neppure in effige – di rivoluzione e di 'fantasia al potere'?? Se non fosse che mia moglie me l'ha fatto sparire tanti anni fa (insieme agli anfibi, non l'ho mai perdonata) me lo rimetterei, guarda. E me ne andrei in giro per la città a far la figura dello scemo…

October 11th, 2010 at 7:55 pm

2 risposte to 'Il Buco della Storia'

Iscriviti ai commenti tramite RSS or TrackBack verso 'Il Buco della Storia'.

  1. Le mode sono sempre cicliche …
    però è vero! L'eskimo e la tracolla da bombe molotov potrebbero riapparire quando meno ce l'aspettiamo!

    Noxe

    11 Oct 10 alle 20:57

  2. Speriamo di no. Ma l'eskimo non era solo legato al mito della violenza. Era un'idea di anticonformismo, importata – come sempre – dagli USA. Fu portato in Italia con l’8a Armata americana durante la Seconda Guerra Mondiale e diventò l'uniforme dell'anti-americanismo…

    admin

    14 Oct 10 alle 08:06

Lascia una risposta