Verona Spritz

La crepa

con 2 commenti

Se c'è una cosa che ha insegnato la recente alluvione che ci ha colpito è che non ci sono innocenti.

Non sono innocenti i 'magnifici sindaci' di cui parla retoricamente Zaia. Nè lo sono i consorzi, i magistrati alle acque, i forestali e le troppe altre autorità che avrebbero dovuto controllare e prevenire. Nemmeno noi cittadini siamo esenti da colpe. Prendiamo esempio dai nostri vicini dell'Alto Adige: là ogni comune o frazione ha il proprio corpo volontario dei vigili del fuoco e fa periodiche esercitazioni. La cura del territorio funziona anche da collante sociale. Anche noi potremmo organizzare le 'Ronde Ambientali' invece delle fallite – e patetiche – Ronde Padane.

Ma quello che mi ha preoccupato di più sono state le affermazioni sulla 'diversità' dei veneti nel reagire al disastro. "Noi Veneti siamo in grado di tirarci su le maniche", "Noi veneti non siamo capaci di piangere"  e perfino "Alluvione fa rima con rivoluzione"  detto dal presidente della Provincia di Treviso!

Nelle disgrazie abbondano i cattivi maestri (a Verona ne abbiamo uno che si chiama Zwirner). Quelli che predicano la divisione, la presunta superiorità del 'modello veneto' ed invocano la 'libertà' per il popolo veneto. E' questa la crepa più grave che l'alluvione ha provocato.

Per calcolo o per stupidità i fautori della 'crepa' tra nord e sud stanno lavorando alacremente per allargarla, senza guardare a quello che in Europa sta succedendo per esempio al Belgio. Per non citare le tragedie di altri paesi che si sono esaltati nel fomentare la divisione della nazione.

E' questo il regalo che il Veneto si prepara ad apportare al 150° anniversario dell'Unità d'Italia?

November 16th, 2010 at 6:46 pm

2 risposte to 'La crepa'

Iscriviti ai commenti tramite RSS or TrackBack verso 'La crepa'.

  1. Concordo, ma devo sottolineare che il "sappiamo rialzarci da soli" è stato attuato nella realtà … non certo da chi si sa solo riempire la bocca di promesse mai realizzate, offese razziste e anticostituzionali, che si pulisce il sedere con il tricolore, ma bensì dai moltissimi volontari che da molto hanno fatto del Veneto la prima regione italiana in tal campo …
    l'aver ripulito le strade di Caldogno dal fango prima ancora che arrivassero le troop delle TV governative (ma grazie a delle riprese video i residenti hanno illustrato la portata reale della tragedia) dovrebbe renderci orgogliosi del volontariato e meno di chi ci governa, a livello nazionale e regionale.

    Noxe

    16 Nov 10 alle 21:45

  2. Condivisibile al centro per cento, purtroppo….

    roberto

    17 Nov 10 alle 15:46

Lascia una risposta