Verona Spritz

Fora i schei!

senza commenti

Con tanto di conferenza stampa, il sindaco-sceriffo e il capo dei vigili (pardon della polizia locale) hanno snocciolato le cifre e espresso tutta la loro preoccupazione ("è un racke t ! ") per un fenomeno che non li fa dormire di notte: l’accattonaggio, altrimenti detto chiedere l’elemosina o andar a manghel.

Ad una lettura accurata delle cifre risulta che il totale delle somme sequestrate dal 1 gennaio 2008 al 10 aprile 2011 è di 5.587,34  euro (cinquemilacinquecentoottantasette e trentaquattro per chi avesse il timore di aver letto sbagliato) a fronte di 1.490 verbali  (di cui pagati 25) e 254 sequestri (il cui importo medio è stato di 20 euro).

Tra l’altro è inspiegabile la differenza tra il numero dei verbali elevati e i sequestri che risultano molto minori.
In ogni caso, cifre ridicole per un bilancio di tre anni e quattro mesi.

Se questo è il racket, credo sarebbe urgente rintracciare i responsabili, fermarli, riaprire immediatamente i manicomi e internarli subito.  Perché organizzare una giostra così per niente remunerativa fa a pugni con l’idea che ci sia un racket di estorsione alla Al Capone. Come vorrebbero far credere ai buoni cittadini veronesi.

Ad ogni buon conto, il sindaco-sceriffo ha avvisato che “si tratta di un fenomeno in evoluzione che a Verona negli ultimi mesi sta diventando preoccupante.

Non è dato sapere su cosa si basa questa affermazione. Nel 2011 sono stati compiuti 21 sequestri per complessivi 186 (centoottantasei) euro (media nove scarsi a sequestro). Che abbia timore che si alzi la media?

April 28th, 2011 at 6:33 am

Lascia una risposta