Verona Spritz

Archivio del February, 2014

Arsenale banco di prova

senza commenti

arsenale-illegittimo

L'arma della illeggittimità lanciata dall'Ing. Monaco e dal Comitato per l'Arsenale contro la proposta di delegare al privato il futuro delle ex Fabbrica d'Armi austriaca è seria e motivata.

Ora però si tratta di capire quanto la città (e non solo il Comitato per l'Arsenale) sia veramente interessata a combattere contro l'esproprio dei beni pubblici a favore dei privati che questa giunta ha intrapreso all'indomani del suo insediamento.

Si tratta cioè di contrapporre alla logica dell'interesse privato quella dell'interesse pubblico con progetti sostenibili anche dal punto di vista economico.

Al 'senso pratico che bada al sodo' sventolato da Tosi – che in realtà impoverisce Verona dei suoi beni più preziosi – va contrapposto un altrettanto concreto progetto di riconversione dell'Arsenale che esalti il rapporto con la città di questo gioiello dell'architettura ottocentesca. Il che significa anche coinvolgere i privati in un progetto che non sia solo di banale sfruttamento economico.

Qui si vedrà anche la capacità della Sinistra di essere vera classe dirigente del futuro di Verona: il compito di proporre una logica alternativa al piano di esproprio ai privati è proprio della politica. Per quanto lodevoli e pieni di sincero amore per la città, i Comitati – e parlo anche di quelli per il Traforo, per Borgo Roma e gli altri – non sono in grado di diventare da soli vera forza alternativa.

E dare per morto Tosi e la sua amministrazione come ho sentito dire nei giorni scorsi nel Comitato di Borgo Roma potrebbe rivelarsi un errore pericoloso.

Chi non avesse letto l'intervista all'Ing.Monaco sul Corriere di Verona può trovarla qui.

Scritto da admin

February 9th, 2014 alle 11:35 am