Verona Spritz

Archivio del March, 2014

A cosa serve la Camera di Commercio?

senza commenti

Camera di CommercioL'elezione di Giuseppe Riello alla presidenza della Camera di Commercio di Verona è buon segno.

Non c'è l'ha fatta il candidato tosiano Arena che avrebbe garantito maggiormente l'inquilino di Palazzo Barbieri.

Al di là delle persone rimane però una domanda di fondo: servono davvero a qualcosa le Camere di Commercio? Nel quadro della 'rivoluzione' annunciata da Renzi non sarebbe opportuno prendere una decisione anche su queste strutture dove si concentrano piccoli centri di potere e corporativismi, con poche funzioni realmente utili che potrebbero benissimo essere svolte da altri?

O sono solo le povere Province ad essere le 'sacrificate' sull'altare dell'efficienza amministrativa causa la loro scarsa rappresentatività politica?

Se poi il vanto della nostra Camera di Commercio – e l'eredità della presidenza Bianchi – è quello di aver promosso l'appalto per rendere l'attuale sede ancora più fastosa spendendo nell'impresa una ventina di milioni di euro allora la domanda cui prodest? diventa ancora più pertinente.

Di questi tempi non c'era niente di meglio da fare per l'economia veronese?

 

Scritto da admin

March 21st, 2014 alle 11:46 am

Grand’Affi in centro città

senza commenti

magazzini generaliC'era una vecchia barzelletta in cui il marito scopriva l'amante della moglie nell'armadio della camera da letto. Al marito che lo guarda inferocito l'amante risponde "son qui che aspetto il tram". Il Tosi di questi giorni mi ricorda il tizio nell'armadio.

Intorno a lui cadono teste di fedelissimi, si aprono voragini di responsabilità politiche (Parentopoli, accuse di rapporti con la 'ndrangheta, stipendi scandalosi di dirigenti delle aziende comunali) e lui continua imperterrito a fare proclami, ospitate nella TV nazionale, e a tirar fuori 'conigli dal cappello' come quello ultimo di Eataly ai Magazzini Generali.

Il 16 febbraio 2010 in aula della Commissione Consiliare congiunta (IV – VI – III) il dott.Valdinoci di Fondazione Cariverona dice testualmente a proposito della propria area di competenza agli ex Magazzini "In realtà il rogito stesso aveva vincolato, con la autorizzazione del Ministero, l’utilizzo di quest’area ai fini culturali, e ovviamente la Fondazione è vincolata a questa finalità perché non è che se ne possa discostare, non potrebbe fare certamente del commercio qui dentro, anche tra l’altro perché non sarebbe nelle proprie finalità."

Da Polo Culturale a supermercato di lusso targato Eataly il passo è davvero disinvolto. E, come al solito, viene annunciato prima alla stampa che in Consiglio Comunale. Con Tosi le sedi di rappresentanza democratica (Consigli e Commissioni) sono esclusivamente chiamate a ratificare le decisioni prese altrove. Anche perchè in queste scelte la regola è: prima il profitto dei privati e poi (se rimane qualcosa) l'interesse pubblico. Il contrario cioè di un equilibrato rapporto pubblico/privato.

Gli ex Magazzini Generali da luogo cerniera tra le due città dove promuovere spazi multifunzionali di aggregazione a 'portaerei' di terziario commerciale e parcheggi, una Grand'Affi in centro a Verona. Quando si sveglieranno dalla 'sbornia tosiana' i veronesi si ritroveranno più poveri e più sudditi.

Scritto da admin

March 16th, 2014 alle 10:42 am