Verona Spritz

La fissazione di Tosi

senza commenti

Tosi ha annunciato di 'avere un piano' sull'Arsenale di Verona. Nuovo, s'intende. Parla di nuove proposte, di importanti investitori pronti ad intervenire. In ogni caso a geArsenale stire il futuro dell'ex cittadella austriaca sarebbero sempre e comunque i privati.

Quella di Tosi è una fissazione patologica. La sua ossessione è quella di vendere quanto più possibile delle proprietà pubbliche entro la fine del mandato. Ha fatto molto finora, dal Palazzo Forti al Palazzo del Capitanio, ma non è contento. Adesso tocca all'Arsenale. Da anni il complesso sta perdendo i pezzi, è sempre meno fruibile, aumentano i pericoli di crolli. Il Sindaco avrebbe a disposizione i 12 milioni della (s)vendita del Capitanio espressamente previsti per l'Arsenale ma non fa nulla e aspetta un 'cavaliere bianco' cui sbolognare il problema.

L'impasse che dura da anni sta arrivando al 'vedo'. Tosi sa bene che non può finire il proprio mandato entro il 2017 se non risolve in qualche modo la questione. Ecco allora il festival degli annunci supportato come al solito dal suo ufficio stampa e da giornalisti compiacenti.

Ma il tempo stringe, i miracoli non li fa più nessuno, neppure il Mago Bolis. La cosa più sensata per uscire dall'impasse sarebbe usare i 12 milioni per un primo restauro urgente: il suo ufficio stampa è in grado di dimostrare che si tratterebbe di una scelta sua, da uomo del Fare. Forse riuscirebbe ancora una volta a prendere per i fondelli i veronesi. Ci pensi, caro sindaco, ci stupisca…

 

July 18th, 2015 at 4:33 pm

Lascia una risposta